Social

Nell'aprile del 2017 è iniziata in Borghi USA la costruzione per ampliare lo spazio adibito agli uffici del servizio, sempre più in crescita, di assistenza clienti così come un laboratorio dedicato alle apparecchiature per il controllo qualità, per la programmazione e i test elettronici. L'investimento di Borghi USA rappresenta un ulteriore impegno nel garantire disponibilità di più personale e attrezzature così da soddisfare le crescenti esigenze dei clienti, offrendo loro un servizio senza pari e di prim’ordine rispettando i requisiti di produzione di spazzole. La costruzione verrà completata entro la metà di giugno 2017. 

Borghi S.p.A., azienda leader nella produzione di tecnologie per l’industria delle scope e spazzole e partner del Boucherie Borghi Group, è orgogliosa di presentare il nuovo presidente di Borghi, il Sig. Paolo Roversi. Questo segna un ulteriore passo nel percorso avviato anni fa, quando i fondatori della Società hanno introdotto una transizione generazionale nella gestione di Borghi. Il signor Roversi, operante da quasi 30 anni nell'industria della spazzoleria, ha dichiarato: "Sono onorato di continuare lungo il percorso che ho imparato grazie a Enzo Ferrari e agli altri soci, in tutti questi anni. Essendo attivo da parecchio tempo nel settore, porterò tutta la mia esperienza nel lavoro e guardo con fiducia alle sfide che il futuro ci riserverà".

Il Sig. Ferrari continuerà le sue attività presso Borghi S.p.A. e nel Boucherie Borghi Group come membro del Consiglio di Amministrazione. Il sig. Ferrari ha anche aggiunto: "Non ci saranno grandi cambiamenti. Paolo e io abbiamo lavorato insieme per molto tempo, e così continueremo a fare nei prossimi anni. Stiamo solo scambiando i ruoli come in una naturale evoluzione di un processo pianificato ".

L'attenzione di Borghi è sempre stata e continuerà ad essere rivolta a offrire tecnologie all'avanguardia e soluzioni per l’industria delle scope e spazzole

 

 

Quest'anno Borghi USA di Aberdeen, Maryland è orgogliosa di accogliere un nuovo membro nel proprio team. Miguel Medrano è uno studente che sta per ottenere la laurea in economia presso la Towson University e nel frattempo lavora a tempo pieno presso Borghi USA, nel reparto di assistenza clienti relativamente alla fornitura di ricambi.

Miguel ha già maturato un’esperienza nel settore produttivo da un impiego precedente e spera di completare i suoi studi il prossimo anno, laureandosi in Business Administration con indirizzo in business internazionale. Le abilità e le competenze di Miguel gli permetteranno di crescere e diventare un importante membro del team di Borghi USA. Assicuratevi di dargli il benvenuto qualora doveste parlare con lui quando chiamate in Borghi USA.  

  

 

La tecnologia PTt vince il Premio per l’Innovazione 2016 al 58° Congresso FEIBP a Edimburgo, in Scozia.

Il successo del Congresso FEIBP sembra crescere ogni anno. Anche quest'anno, ci sono stati molti partecipanti, tra cui una numerosa delegazione americana facente parte dell’associazione ABMA. Per il Premio per l’Innovazione annuale, votato da tutti i delegati al termine del congresso, vi erano 3 candidati. Il Boucherie Borghi Group ha presentato la tecnologia PTt recentemente per la produzione di spazzole, che è attualmente disponibile per la produzione di spazzolini da denti. La presentazione è stata ben accolta e l'interesse dei delegati è stata notevole.

Quando i risultati della votazione sono stati annunciati il venerdì, siamo stati felici e orgogliosi di aver vinto questo prestigioso premio.

Ringraziamo tutte le persone che ci hanno sostenuto, che ci hanno votato, e che hanno dimostrato che questo elevato livello di interesse.

Nella foto: Paolo Roversi e Mr. Kris Geldof durante la consegna del premio da parte di Thorsten Stollberg, Presidente della FEIBP.

All’inizio di ottobre ha avuto luogo il meeting delle forze vendita del Boucherie Borghi Group a Izegem (Belgio).

Dopo una lunga preparazione nei mesi prima della riunione, circa una cinquantina di partecipanti provenienti da tutto il mondo si sono recati in Belgio per parteciparvi; agenti e filiali in America Latina, Stati Uniti d'America, Europa, Medio Oriente, Asia e le principali aziende provenienti da Belgio e Italia erano lì per scambiare idee ed esperienze e ascoltare i piani per il futuro.

Questa è stata la prima riunione delle forze vendita dopo quella a Rimini nel maggio 2014, pochi giorni dopo la fusione di Boucherie e Borghi. L'anno e mezzo a partire da allora si è rivelato un periodo di stretta collaborazione. Una volta che il processo di conoscersi meglio era già in fase avanzata, sono stati compiuti progressi in molti campi ed i partecipanti hanno mostrato risultati visibili. Per tre intense giornate, i venditori hanno avuto l'opportunità di rinnovare e rafforzare i legami di cooperazione, per conoscere sempre meglio e comprendere le differenze e le somiglianze del brush industry in tutto il mondo.

Tutti sono d'accordo nel dover continuare a sviluppare i propri punti di forza: il Boucherie Borghi Group è focalizzato nell’offrire la migliore tecnologia ai clienti. La rete di vendita del BBG propone soluzioni al servizio e a misura dei clienti in tutto il mondo. Madrelingua, con particolare interesse per la cultura e le tradizioni locali, così come le linee di comunicazione diretta, forgiano un forte legame tra fornitore e cliente.

Per la fiera Interbrush nella primavera del prossimo anno, si prevede di introdurre nuove tecnologie e miglioramenti. Senza dubbio, verrà rispettata la tradizione di essere il fornitore leader di tecnologie per l'industria.

I discorsi di chiusura e i ringraziamenti dei rispettivi presidenti, Bart Boucherie Jr. e Enzo Ferrari sono stati molto calorosi, "È un piacere vedervi tutti qui riuniti, sotto lo stesso tetto, vicini e molto motivati", ha detto il Presidente di Borghi Spa. Bart Boucherie Jr. ha aggiunto: "Se guardiamo indietro, ci rendiamo conto di quello che abbiamo fatto insieme e quanto è grande la forza che ci spinge a fare ancora di più, grazie a tutti".    

L'ultima giornata si è conclusa con un brindisi e un caloroso applauso da parte di tutti i membri e i dipendenti del gruppo, orgogliosi dei risultati raggiunti e proiettati con grande entusiasmo verso il futuro, pronti a essere parte attiva del gruppo e a investire di più di se stessi in ogni settore.

Maggio dello scorso anno ha visto l'avvento del gruppo Boucherie-Borghi, con grande sorpresa di tutti nel nostro settore. Il primo anniversario della fusione nel frattempo è avvenuto e abbiamo pensato che fosse una buona occasione per cercare di raccogliere le sensazioni di ciò che ha significato la fusione sia in Italia che in Belgio e di chiederlo a Enzo Ferrari e Bart Boucherie jr.

L'annuncio della fusione è stata certamente una "breaking news" per il mercato. Ma come è stata percepita internamente?

Enzo: la risposta può essere molto breve e chiara: come una notizia fantastica. Credo che Bart sarà d'accordo. Sin dall'inizio abbiamo visto un grande entusiasmo. Le persone erano desiderose di conoscere i nuovi colleghi, si sono interessate su chi stava lavorando su cosa e -ovviamente- in che modo! L'orgoglio per le nostre tecnologie e la nostra performance è molto alto ed è motivante per l'integrazione. La tempistica della fusione, due anni prima della fiera a Friburgo 2016, è ideale per iniziare subito con alcuni progetti comuni.

Bart: sì, e per soddisfare questa curiosità e stimolare la cooperazione da entrambe le parti, abbiamo iniziato a organizzare workshop, alternativamente in Italia e nelle Fiandre, dove le nostre squadre possono incontrarsi per condividere le informazioni, per esempio su progetti su cui entrambi stanno lavorando. Così anche i nostri team di tecnici si riuniscono regolarmente per riflettere insieme su un determinato problema tecnico o su un metodo di lavoro, e allo stesso modo fanno le persone dell’ufficio commerciale, acquisti ecc.

Un'altra sorpresa è stata l'accordo con la società start-up V-Air. Perché questo passo, mentre siete probabilmente ancora in fase di integrazione per la grande fusione?

Bart: possiamo solo ripetere che l'integrazione di Boucherie-Borghi è andata molto liscia ed è diventata ormai un processo automatico, basato sul rispetto reciproco. C'è semplicemente il rispetto: dei reciproci prodotti, delle prestazioni e soprattutto delle persone. Quindi la fusione in sé non costituisce una barriera per un ulteriore sviluppo. Noi intanto sappiamo che unendo le forze si crea spinta, dinamismo ed è per questo che siamo aperti ai buoni progetti. V-Air ha una tecnologia molto promettente nel campo di spazzolini da denti anchorless. E anche se sono una start-up, hanno molta esperienza nel loro campo.

Lo scopo non è solo quello di integrare i prodotti V-Air nella vendita e assistenza di rete Boucherie-Borghi, ma soprattutto sviluppare un’ulteriore tecnologia V-Air -insieme alle nostre risorse per la R&S – da portare al successo.

Le fusioni sono per lo più l'annuncio di grandi riorganizzazioni. A che punto siete in questo processo?

Enzo: Se si fa riferimento a riorganizzazioni in termini di ridimensionamenti, delocalizzazioni o altri grandi movimenti, questi non sono mai stati ovviamente all'ordine del giorno. Al contrario, abbiamo assistito ad un notevole aumento di turnover nella maggior parte dei nostri reparti e né Boucherie né Borghi hanno avuto problemi nel tenere a bordo tutte le loro squadre.

L'unica sfida che abbiamo avuto è stata la parte giuridico-amministrativa della fusione, ma come tutti sappiamo, queste cose non possono essere forzate.

Alcuni cambiamenti nel modo in cui Boucherie-Borghi gestisce la vendita e l’assistenza in tutto il mondo sono diventati evidenti ai clienti. Volete fare un commento riguardo a tutte le modifiche all'interno delle stesse Boucherie e Borghi?

Enzo: bene, come Bart ha già indicato, ora abbiamo stabilito un contatto intenso e frequente e le procedure di scambio di informazioni tra i nostri due siti. L'installazione di sistemi di videoconferenza professionale in entrambe le sedi ha aiutato molto nella realizzazione di questo. In modo simile è stato avviato un programma di unificazione in vista di un comune CAD e piattaforma PLM nel prossimo futuro.

Bart: a Izegem abbiamo continuato a investire nella nostra area di produzione di macchine. Stiamo solo aggiungendo alcuni centri di lavoro per la nostra produzione, così come l'installazione di robot speciali sulle nostre macchine per la fresatura. Allo stesso modo alcuni dei nostri strumenti di misurazione e attrezzature EDM vengono sostituiti con le più recenti tecnologie. La parte più visibile forse sarà il completamento entro la fine di questo anno del nuovo centro conferenze e l’area reception presso lo stabilimento di assemblaggio a Ambachtenstraat.

L'anno scorso, Bart, hai promesso di imparare l'italiano. Ebbene Enzo, qual è il punteggio di Bart per l'italiano?

Enzo: Penso che Bart non sia stato davvero un bravo studente finora, anche se conosce già tutte le parole che avrei voluto non imparasse. La sua conoscenza del cibo italiano e dei vini italiani è migliorata molto... Ma quello che ritengo molto importante è che siamo stati in grado di sviluppare un modo di lavorare insieme familiare e molto amichevole. Se questo si esprime in fiammingo, inglese o italiano, non è molto importante per noi. Nei frequenti incontri che abbiamo tra noi, viviamo una buona atmosfera che è diventata molto evidente per tutti nelle nostre organizzazioni. In realtà, vediamo la stessa azienda allo stesso modo vera a quasi tutti i livelli.

Volete condividere qualche novità per il prossimo Interbrush ad aprile 2016?

Enzo: naturalmente, questa sarà la prima edizione della fiera in cui partecipiamo insieme e so che le aspettative sono alte. Vedete, Boucherie e Borghi saranno lì insieme, ma ognuno con le squadre e le persone che i nostri clienti hanno conosciuto per molti, molti anni. Sia i clienti Borghi che i clienti Boucherie dovrebbero sentirsi "a casa" nel nostro stand come hanno fatto prima della nostra fusione. Ci saranno cose "Boucherie" e ci saranno cose "Borghi". Ognuno di noi ha il proprio patrimonio di cui siamo entrambi molto orgogliosi. Non vi è alcuna necessità di un vino italiano che sappia di birra belga o viceversa. Non vi è alcuna necessità dei tortellini di Castelfranco con insalata belga –Dio mi perdoni! – o cavoletti di Bruxelles.

Ma, d'altra parte, è ovvio che quando più chef lavorano insieme per alcuni anni, nuovi piatti vengono creati. Sono convinto che i nostri clienti saranno molto sorpresi di vedere alcuni dei progetti che i nostri "chef" hanno creato lavorando insieme. Cosa ne pensi Bart? Ho detto troppo? Vuoi aggiungere qualcosa?

Bart: non proprio, a parte che mi piacciono i cavolini di Bruxelles. Scherzi a parte, sono d'accordo con Enzo. I clienti potranno vedere "Boucherie" e vedranno "Borghi", ma vedranno sicuramente "Boucherie + Borghi".

Dopo un anno di collaborazione insieme quale sarebbe il consiglio più importante che dareste a tutte le altre persone d'affari che stanno prendendo in considerazione una fusione?

Enzo e Bart: avere rispetto l'uno per l'altro!

Dall’ 8 Maggio 2015 la società V-Air di Todtnau, in Germania, è entrata a far parte del Gruppo Boucherie Borghi.

La V-Air Maschinenbau GmbH è stata fondata nel 2013 ed è specializzata in sistemi di punzonatura basati sulla tecnologia del carico con aria in apparecchiature per spazzolini da denti. Sono inclusi nella linea dei prodotti della V-Air tra l’altro anche macchine per la riempitura e la fusione delle testine degli spazzolini da denti, come pure macchine per il taglio e la finitura delle fibre. Il meccanismo di V-Air è caratterizzato da una massima facilità di funzionamento e manutenzione combinata con un alto rendimento.

Il team di V-Air è composto da tecnici altamente qualificati con molti anni di esperienza in questo specifico settore della tecnologia delle spazzole. Con l’aggiunta delle competenze e delle capacità di V-Air, il programma di tecnologia del Gruppo Boucherie Borghi è ulteriormente ampliato ed offre una gamma più completa di macchinari anchorless come pure macchine convenzionali per la produzione di spazzole e spazzolini.

L’amministratore delegato della V-Air, il Signor Christoph Schubnell è molto lieto di annunciare questo importante passo per la sua azienda: “Questa è una meravigliosa opportunità per noi per sviluppare ulteriormente la tecnologia già disponibile all’interno della nostra azienda. Il livello di ingegneria del Gruppo Boucherie Borghi è impressionante, ed ora sarà anche molto più facile raggiungere i clienti in tutto il mondo grazie alla rete di vendita e servizi del Gruppo. Siamo molto felici ed orgogliosi di farne parte. Fin dai nostri primi contatti siamo rimasti colpiti dall’entusiasmo, l’energia e lo spirito di squadra all’interno del Gruppo Boucherie Borghi e siamo ansiosi di collaborare intensamente con i nostri nuovi partner”.

Bart Boucherie Jr. ha aggiunto: “Accogliamo con piacere la V-Air Mannschaft nel nostro gruppo e siamo felici di avere accesso alla tecnologia V-Air. Essa si integra molto bene con le nostre tecnologie anchorless AFT e AMR, e l’esperienza combinata di persone di entrambe le società sarà in grado di dare una spinta alle soluzioni di ingegneria e agli sviluppi futuri. Siamo una società tecnologica ed il nostro obiettivo è essere all’avanguardia. V-Air si adatta perfettamente a questa visione”.

“Questa è una nuova pietra miliare per il nostro Gruppo” – precisa il presidente di Borghi Enzo Ferrari. “Con V-Air abbiamo un’altra società con tecnologie avanzate a far parte del nostro Gruppo, con nuovi approcci e nuove idee. Con Boucherie come fornitore più grande e più esperto di macchinari anchorless per spazzole e V-Air avente un differente approccio a questa tecnologia, ora insieme sotto un unico ombrello, prevediamo che la produzione di macchine anchorless per la realizzazione di spazzole raggiungerà il mercato e le fabbriche di tutto il mondo. La nostra rete di vendita ed assistenza è pronta per sostenere questa crescita prevista”.

www.boucherie.com   www.borghi.com   www.v-air-machines.de

 

Dopo 25 anni di collaborazione sul mercato delle macchine e attrezzature per la produzione di scope e spazzole, la ditta Mauricio Mazzoni EPP e Borghi Spa hanno dato vita alla società “Borghi Brasil Comercial de Peças e Acessorios para Máquinas Ltda” con lo scopo di offrire a tutti i produttori di scope e spazzole brasiliani il massimo livello di servizio.

La lunga esperienza nel settore della ditta Mauricio Mazzoni EPP inzia con la rappresentanza di OSMAS 3 e prosegue, a partire dal 2004, con Borghi Spa, garantendo la massima competenza tecnica su tutto il range di macchine prodotte e vendute in Brasile nel corso di tutti questi anni con marchio Borghi, OSMAS, MASS, Techno Plastic e UNIMAC. La recente fusione di Borghi con Boucherie, con la conseguente nascita del Boucherie Borghi Group, amplia ulteriormente la gamma di soluzioni con cui Borghi Brasil sarà in grado di servire il mercato: dalle macchine per la produzione di articoli casalinghi a quelli per spazzole industriali, dagli stampi alle macchine per spazzolini da denti, dalle linee di estrusione per monofilo a quelle per la produzione di manici da scopa.

L’obiettivo di Borghi Brasil, che ha inziato la sua attività a gennaio 2015, è di offrire, alle 250 macchine che attualmente lavorano in Brasile e alle nuove che verranno, assistenza tecnica in modo rapido ed economico e garantire ricambi meccanici ed elettronici sempre a disposizione, grazie all’estensione del magazzino attuale. Gli uffici sono stati completamente ristrutturati, aumentando l’area commerciale e creando un ampio spazio per la parte di manutenzione e assistenza tecnica. Il personale è composto da tecnici estremamente preparati, formati nella sede di Borghi in Italia e con un minimo di 10 anni di esperienza sul campo su tutte le macchine commercializzate in Brasile.

Consapevole delle proprie capacità e delle sfide che la attendono, Borghi Brasil guarda al futuro con grande entusiasmo ed ottimismo, avendo sempre chiaro in mente l’obiettivo di assicurare la massima soddisfazione dei propri clienti.

Nella foto, a partire da sinistra: Dirceu Perrone, Mauricio Mazzoni, Zuleica Galietto e Ricardo Budiski. 

Borghi Brasil Comercial de Peças e Acessorios para Máquinas Ltda

Rua: Porteiro Peres, 91

Vila Leopoldina – São Paulo – SP – Cep. 05085-020

Tel.: 011 3645-3626

Fax.: 011 3645-4538

email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

site: www.borghibrasil.com.br



Anche Borghi SpA, dopo aver ricevuto la nomination, ha colto la sfida benefica dell’ICE BUCKET CHALLANGE e ha quindi contribuito alla raccolta fondi in favore della ricerca sulla SLA.

 

Guarda il video e scopri chi è stato nominato!

 

L’inizio di maggio ha visto la fondazione del Boucherie-Borghi Group, che riunisce due dei principali produttori al mondo di macchinari per l’industria delle scope e delle spazzole. Motivo sufficiente per intervistare Bart Boucherie Jr., presidente della Società Boucherie in Belgio, ed Enzo Ferrari, presidente della ditta Borghi SpA in Italia.

L'annuncio dell’integrazione di entrambe le società è stato certamente un evento storico di grande importanza per la nostra industria. Che cosa ha spinto l'inizio del dialogo che alla fine ha portato entrambi a unire le forze e chi si è avvicinato a chi?

Enzo: Questa integrazione non è in realtà il frutto di grandi studi strategici preparati da qualche consulente, ma piuttosto il risultato di alcune riflessioni di due colleghi che, nei loro cuori e nei loro pensieri, amano costruire macchine per i propri clienti nell’industria della spazzoleria. Queste riflessioni hanno portato alla conclusione che una combinazione intelligente di entrambe le nostre entità crea un enorme potenziale per entrambe le nostre aziende, i nostri dipendenti e, naturalmente, i nostri clienti. Ad essere sinceri, dopo il primo incontro Bart e io sapevamo già che volevamo fare questo. E se mi chiedete perché, beh, la risposta è: "Perché lo vogliamo fortemente". Per entrambi si tratta di un’opportunità che capita una volta nella vita.

Qual è la struttura che caratterizza questa unione e chi sono gli azionisti che hanno una partecipazione nella nuova società?

Bart: Questa non è un’unione molto complessa. In realtà, è molto semplice: il principio fondamentale è l'uguaglianza tra i partner. Sia l’entità belga che quella italiana del nostro Gruppo hanno le stesse azioni. Per essere onesti, la struttura legale del Gruppo è stato uno dei temi meno impegnativi nel perimetro totale degli eventi. La maggior parte del nostro tempo lo abbiamo trascorso a parlare di macchine e soprattutto di nuovi sviluppi per il futuro delle aziende.

Cosa spera di ottenere con questa fusione?

Bart: Vogliamo combinare i 150 anni di esperienza che insieme abbiamo in questo settore, in un gruppo, con tutti i 420 dipendenti, a vantaggio del mercato.

Ci saranno operazioni che porteranno alla chiusura di una qualche attività? Consoliderete delle posizioni?

Enzo: Cerchiamo opportunità, non situazioni disfattiste. Entrambe le nostre aziende hanno i loro punti di forza. Vogliamo imparare gli uni dagli altri e concentrarci sul meglio dei due mondi. L'obiettivo non è quello di chiudere o arrestare le cose. Naturalmente vedremo come e dove possiamo migliorare la nostra organizzazione, ma mantenendo sempre molto forte il focus sui nostri clienti. Inoltre, siamo molto fortunati ad essere in grado di iniziare questa collaborazione con portafogli ordini sia in Italia così come in Belgio, che ci permetteranno nel medio-breve periodo di lavorare con la serenità che questo progetto merita.

Vede potenzialità di crescita da questa fusione?

Enzo: Siamo attivi in un mercato di nicchia che tra l’altro è anche un mercato difficile. Crescere in una situazione del genere è una sfida. Ecco perché, in realtà, questo sarà uno dei temi più importanti su cui in primo luogo ci concentreremo insieme.

Come le due entità intendono lavorare insieme?

Bart: È ovvio, ognuno manterrà i propri punti di forza e le specializzazioni come sono. Ogni entità manterrà la propria identità e continuerà ad utilizzare il proprio nome, ma sempre con un link al Boucherie-Borghi Group, a cui entrambi apparteniamo.

Per quanto riguarda le barriere linguistiche?

Bart: Questa è davvero una sfida. Ma, dall'altra parte, vediamo un sacco di aziende che fanno affari in Estremo Oriente dove esistono barriere linguistiche e culturali di una maggiore portata e nonostante ciò hanno tuttora molto successo. Nessuno si lamenta di questi problemi linguistici. Comunque, credo che questo sarà un problema a breve termine, avendo notato che alcune delle nostre persone hanno già installato corsi di lingua sui loro iPad. E dopo tutto, tutto il nostro popolo parla la lingua del mondo della spazzoleria, che è un linguaggio universale!  Devo ammettere che dopo uno dei nostri incontri, ho promesso ad Enzo che sarei andato a fare un corso intensivo in lingua italiana. Temo che possa tenermelo lui (sorride).

Come pensate di superare il fatto che proprio fino a ieri eravate ancora concorrenti?

Enzo: Beh, lasciatemi innanzitutto dire che entrambi condividiamo un sentimento di profondo rispetto reciproco sia per le proprie aziende sia per le persone. Il rispetto è un fattore chiave nel rendere questo tipo di operazione un successo. Ma, sì, in passato, abbiamo davvero usato le nostre energie per competere l’uno contro l'altro. Da ora in poi, useremo le nostre energie combinate per soddisfare al meglio le esigenze dei nostri clienti.

Bart: Sì, c'è rispetto reciproco. Un grande vantaggio è anche che ci sia davvero meno sovrapposizione tra i nostri programmi macchine di quanto si possa pensare. Al contrario, le nostre linee di macchine sono molto complementari.

I vostri clienti come vedono questa unione?

Bart: spetta a noi continuare a convincere i nostri clienti che siamo qui per servire loro, come entrambi abbiamo fatto in passato. L'orientamento al cliente è molto alto nel nostro programma e la nostra preoccupazione costante per soddisfare le aspettative dei nostri clienti è una delle ragioni di questa decisione. Siamo convinti che possiamo farlo in un modo migliore unendo gli sforzi.

C’è qualcos’altro che vorrebbe dire a proposito della fusione?

Enzo: La gente potrebbe fare congetture su chi ha il controllo di questa unione e desideriamo comunicare loro che si tratta veramente di una partnership basata sulla parità tra Boucherie e Borghi. Bart e io e i nostri team saranno in costante comunicazione per lavorare insieme per il bene del gruppo e dei nostri clienti, i quali continueranno a rimanere in contatto con le stesse persone e le nostre squadre, lavorando con l’obbiettivo di soddisfare gli interessi dei nostri clienti.

Bart: Questo è un passo molto importante per entrambe le aziende e per tutti gli stakeholder all’interno ed intorno ad entrambe le nostre aziende. Ma, come si dice in fiammingo, a volte nella vita un treno si ferma inaspettatamente nella stazione ferroviaria e quindi puoi salirci sopra oppure no!

visita Boucherie.com

 

Usando questo sito si accetta l'utilizzo dei cookie per analisi, contenuti personalizzati e annunci. Per maggiori info: privacy policy.

  Accetto i cookie per questo sito.